H. Moser & Cie. Pioneer Rotating Bazel


Durante l’ultimo Baselworld svoltosi a Marzo, l’H. Moser & Cie. Pioneer Rotating Bazel è passato completamente inosservato.
Uno dei motivi dell’accaduto è da imputarsi alla mancanza di una presentazione ufficiale, ma anche con la complicità della sua limitata produzione, probabilmente non c’è stato questo tipo di interesse.
Sono infatti solo 50 gli esemplari prodotti e sicuramente tutti venduti ancor prima del suo debutto alla fiera.
Quindi perché sforzarsi?
Ma cos’è questo orologio?

Non è un Sub

Partiamo dal suo aspetto:
A tutti gli effetti, quando guardiamo un orologio con una ghiera girevole, ci viene in mente subito l’abisso marino, ma in questo caso i suoi 120 metri d’impermeabilità non ne fanno un vero e proprio “diver”.
È stato senz’altro concepito per il “gentleman” da spiaggia, che ama sguazzare ma senza sbilanciarsi in immersioni.
Forse è questo il suo scopo?
La cassa da poco meno di 43 mm. è grande ma non enorme, forse per l’utilizzo a cui è destinato bastavano 40 o 41 mm.

La meccanica

Al suo interno un movimento meccanico automatico a vista calibro HMC200 con una riserva di carica di 3 giorni.
È stato naturalmente progettato e sviluppato interamente negli Atelier H. Moser ed è uno degli ultimi nati.
Il movimento e il dato d’impermeabilità, sono stati ereditati dal fratello minore H. Moser & Cie. Pioneer, col quale condivide gli stessi dati.

Primati

Dall’altra parte questo orologio segna due novità assolute per la Maison.
Due particolari che sono stati presentati per la prima volta:
si tratta come qualcuno avrà già intuito, della ghiera girevole unidirezionale con una scala di 50 minuti.
La seconda novità la troviamo incarnata da un inedito bracciale in acciaio, che compare per la prima volta in un orologio di Casa.

Conclusioni

L’orologio, come tutti quelli che escono dalla H. Moser & Cie. gode di straordinaria qualità, sia meccanica che a livello di finiture.
L’esclusività di una vera edizione limitata di 50 esemplari lo pongono per direttissima tra le “vere” limited Edition.
Il prezzo di 14 mila Euro circa non è nemmeno proibitivo se lo si affianca alla concorrenza.
L’unico neo, si trova nel dato d’impermeabilità estremamente limitato.
Ma a conti fatti, chi è mai andato oltre i 100 metri con un orologio da 14 mila Euro?
Ma il difetto più evidente, è senz’altro la reperibilità.


Lascia un commento