Panerai Radiomir 3 Giorni Platino


Il Panerai Radiomir 3 Giorni Platino ha una storia curiosa.
Alla fine del 1930, la Panerai crea un particolare Radiomir con un quadrante dal design unico.
Ad oggi, solo 2 esemplari sono sopravvissuti, ed il perché furono creati, non è dato a sapersi.
La loro storia è stata lavata via dagli archivi della Maison a causa dell’alluvione del 1966.
Il nuovo Radiomir 3 giorni, riprende il disegno di questo quadrante per la prima volta.

Il Radiomir Oggi

La tecnica a sandwich che compone il quadrante rimane invariata, mentre la grafica si avvale di un’ alternanza di indici geometrici che facilitano la lettura.
A copertura un vetro in plexiglas spesso 2,8 mm.
La cassa in platino misura 47 mm. e garantisce un impermeabilità di 100 metri, una profondità analoga al modello originale.
Le anse a filo sono saldate e grazie al brevetto Panerai, il cinturino può essere rimosso.
Sul fondello un vetro zaffiro lascia ammirare il calibro P.3000, interamente progettato e sviluppato nelle Officine Panerai di Neuchåtel.
Il calibro ha 21 rubini e il grande bilanciere da 13,2 mm. ad inerzia variabile, presenta viti di regolazione.
I grandi ponti celano 2 bariletti che garantiscono 3 giorni di carica.
Il nuovo Radiomir 3 giorni Platino (PAM000373) sarà disponibile ad agosto in 199 esemplari numerati ad un prezzo di 29 mila Euro.

  • Panerai Radiomir 3 Giorni Platino
  • Panerai Radiomir 3 Giorni Platino
  • Il Calibro P.3000

Audemars Piguet Royal Oak Off Shore Diver

Con un impermeabilità di 300 metri, l’ Audemars Piguet Royal Oak Off Shore Diver Automatique, entra di diritto nella categoria dei subacquei professionali di lusso.
Un orologio robusto, affidabile resistente agli urti ed ai campi magnetici.
Le norme internazionali dell’orologeria svizzera (NIHS), richiedono una serie di criteri specifici che vengono soddisfatti pienamente, tanto da poter essere descritto come “orologio subacqueo”.
Come da standard NIHS 92-11 (ISO 6425), l’orologio fornisce un dispositivo per la preselezione dei tempi di immersione, che comprende un dispositivo di sicurezza per la rotazione accidentale della ghiera girevole interna.
Infatti questa prevede una rotazione in un solo senso, al quale è collegato un cricchetto regolato dalla corona ad ore 10.
Sempre in conformità con le norme, la scala è divisa in 60 minuti con i 5 minuti evidenziati, ed il tutto deve essere visibile ad una distanza di 25 cm. al buio.
La sostanza luminescente applicata anche alla sfera dei secondi, è a contrasto col quadrante nero a “maga tappisserie”, segno inconfondibile della linea Royal Oak.

La Meccanica

Al suo interno il calibro di manifattura AP 3120, arrivato ormai, nelle sue numerose migliorie, a livelli di affidabilità degni del nome.
Con una frequenza di 21.600 a/h, la spirale antimagnetica è dotata di inerzia variabile.
Il bilanciere presenta otto pesi per un’ equilibratura perfetta, conferendo stabilità di marcia.
Il datario a rimessa rapida garantisce facilità di lettura e la riserva di carica di 60 ore ne facilita l’inutilizzo per lungo tempo.
Il fermo macchina facilita anche la rimessa dell’ora con precisione.
Il movimento, assemblato nei laboratori Audemars Piguet di Le Brassus, vanta un eccezionale qualità delle finiture.
I ponti sono lavorati a mano con cote de Genéve e gli anglage sono lucidati.
La massa oscillante in oro 22 carati è decorata con gli stemmi di famiglia Audemars Piguet.
Dalla sua uscita nel 1972, il Royal Oak ha saputo mantenere la sua presenza con numerosi modelli, aggiungendo la linea sportiva nel 92, quando metalli come l’oro o l’acciaio si uniscono alla gomma, mantenedo i segni distintivi che hanno fatto di questo orologio una leggenda.

Specifiche

Movimento di manifattura a carica automatica
Diametro 26 mm. (11,5 linee)
Spessore 4,25 mm.
40 rubini
278 componenti
riserva di carica di 60 ore
21.600 a/h
bilanciere ad inerzia variabile

Cassa in acciaio da 42 mm.
spessore di 13,75 mm.
fondo chiuso con stemmi Audemars Piguet
impermeabilità 300 m.

Cinturino in caucciù
fibbia ad ardiglione personalizzata

Prezzo: 13.800 Euro.

  • Audemars Piguet Royal Oak Off Shore Diver
  • Audemars Piguet Royal Oak Off Shore Diver
  • Audemars Piguet Royal Oak Off Shore Diver
  • Audemars Piguet Royal Oak Off Shore Diver
  • Audemars Piguet Royal Oak Off Shore Diver
  • Audemars Piguet Royal Oak Off Shore Diver

Montblanc Villeret 1858 Pulsographe

Il Montblanc Villeret 1858 Pulsographe è ispirato agli orologi “medici” del 1930.
La sua caratteristica principale è senza dubbio il fascino vintage.
Il calibro Minerva MB M13.21 viene incassato in una discreta cassa da 39,5 mm.
Il quadrante è in smalto e riporta le indicazioni del moderno movimento cronografico monopulsante.
Le caratteristiche del movimento ricordano i tradizionali movimenti di una volta, come la ruota a colonne o l’accoppiamento della ruota orizzontale.
Il cronografo monopulsante funziona in 3 fasi: alla prima pressione parte il cronografo, alla seconda si arresta e alla terza si riazzera per poi ripartire.

La Meccanica

Il fondello in vetro zaffiro mostra le splendide finiture.
Troviamo leve e molle lucidate con spessori satinati e angoli smussati a mano.
I ponti sono rodiati al nikel e tutti lavorati ad anglage con finitura a cote de Genéve.
Il grande bilanciere di 11,4 mm. è dotato di viti di regolazione e oscilla a 2,5 hz, ovvero 18.000 a/h permettendo misurazioni ad 1/5 di secondo.

Il Quadrante

Il quadrante in oro massiccio, cosa che accomuna la collezione Villeret, ha una finitura a smalto “grand feu” cotto a 850° Celsius dove viene rappresentata la scala pulsometrica graduata per 30 pulsazioni (30 battiti del polso).
Il Pulsograph è disponibile in oro rosso o bianco.
La corona è decorata col logo Montblanc in madreperla e il vetro zaffiro ha la finitura antiriflesso su entrabi i lati.
I 2 modelli sono disponibili in soli 58 esemplari ciascuno e costano rispettivamente 35 e 38 mila Euro.

Montblanc Villeret 1858 Pulsographe

Grieb Benzinger Watch

Il tedesco Grieb Benzinger Watch presenta il Polaris, un’altra sua creazione.
Come di consueto, l’orologiaio stupisce per le meravigliose lavorazioni dei suoi movimenti.
La maestria con cui scheletra gli orologi, è un esempio dell’arte orologiera che trova ancora oltre che abilissimi maestri, una schiera di appassionati.
Il 2011 vede affacciarsi un trittico di opere: il Polaris, il Pharos e il Blossom, ciascuno con cassa in oro rosso da 43 mm. con movimento scheletrato.

  • Grieb Benzinger Polaris
  • Grieb Benzinger Polaris
  • Grieb Benzinger Polaris

Qui fotografato il Polaris, equipaggiato con movimento meccanico a carica manuale.
Il prezzo di questo modello si aggira sui 40 mila Euro.
Il prezzo del Polaris è giustificato dalla lavorazione che solo una mano esperta ed attenta come quella di Grieb Benzinger Watch ha la capacità di realizzare.

Longines Master Retrograde Moon Phases

Il Longines Master Collection Retrograde Moon Phases, amplia la collezione Master.
Questo nuovo complicato, sarà disponibile in 2 diverse misure di cassa, una da 41 e l’altra di 44 mm. di diametro.
Sul quadrante si combinano quattro funzioni retrograde con fasi di Luna e un quadrante per la visualizzazione del giorno/notte.
Le 4 sfere retrograde indicano rispettivamente in giorno della settimana al 12, la data al 3, i secondi continui al 6 e un secondo fuso orario sulle 24 ore al 9.
Al 6 troviamo sopra ai secondi continui anche le fasi di Luna.
Il quadrante è protetto da vetro zaffiro come sul fondello.
I quadranti disponibili sono 2.
Uno argentato che abbina un cinturino marrone e l’altro nero con cinturino nero, entrambi in alligatore.
L’impermeabilità è garantita fino a 3 ATM.

Specifiche

Longines Master Collection Retrograde Moon Phases
Calibro meccanico a carica automatica
Cal. L707.2 (Eta A07 L31)
16 linee e 1/2
25 rubini
28.800 a/h
48 ore di carica

I prezzi del Longines Master Collection Retrograde Moon Phases saranno introno ai 3000 Euro.

  • Longines Master Collection Retrograde Moon Phases
  • Longines Master Collection Retrograde Moon Phases

Tag Heuer Monaco Cal. 36

Il Tag Heuer Monaco cal. 36 verrà lanciato in una serie speciale in edizione limitata insieme al Monaco Cal. 11.

Il Cal. 36

Il primo sarà una referenza CAL5112 sulla base del celebre modello “Gulf” presentato nel 2009.
Si distingue dal modello precedente per la cassa in acciaio lucido e l’assenza della personalizzazione “Gulf” a righe azzurro e arancio.
Questa referenza sarà anche più sottile ed è il primo modello che inaugurerà una sempre più nutrita serie di orologi su questa base.
Infatti ogni anno verrà presentata una serie limitata per mantenere l’esclusività.
Il Tag Heuer Monaco Cal. 36, come sarà già noto a molti, è un calibro di derivazione Zenith El Primero.

Nuovo Antishock

Tuttavia sono state apportate delle modifiche.
Si può notare l’esclusivo sistema antishock che vede movimento e quadrante sospesi all’interno della cassa tramite 4 pistoncini.
Ancora non è noto il numero degli esemplari che verranno prodotti, ma probabilmente sarà un edizione limitata, ma non numerata come nel caso del “Gulf”.
Saranno disponibili molto probabilmente solo negli store monomarca della Tag Heuer.
Il prezzo sarà intorno ai 10 mila Euro.
Forse un po’ alto, ma giustificato dal movimento di qualità e il sistema antiurto.

Il Cal. 11

Il secondo è un cronografo tradizionale con calibro 11 allestito in argento e arancione.
Utilizza la stessa cassa da 39 mm. del modello re-edition e come questo lo stesso calibro 11.
Il logo sul quadrantenon ha subito cambiamenti.
La corona al 9 è come nel modello originale che era animato dal calibro automatico di origine Buren.
In questo caso invece abbiamo un calibro Eta con modulo cronografico Dubois Depraz DD2022 aggiornato rispetto al calibro DD2002.
Questo modello sarà disponibile ad autunno con un prezzo che i aggirerà intorno ai 5000 Euro.
Forse un po’ alto in assoluto a fronte di un movimento di non eccezionale qualità.

  • Tag Heuer Monaco Cal. 36
  • Tag Heuer Monaco Cal. 11

De Bethune 25 QP Calendrier Perpétuel

Il De Bethune 25 QP Calendrier Perpétuel arricchisce il catalogo di orologi classici con un eccezionale calendario perpetuo.
La linea filante della cassa è contraddistinta da bordi tesi ed elegantemente proporzionati.
Il quadrante finemente lavorato a mano a guilloché, irradia i 12 indici, a sottolineare la leggibilità, facilitata dalle sfere colorate di blu alla fiamma.
A ore 12 troviamo una bellissima sfera in titanio mezza blu a rappresentare le fasi di Luna, circondata da stelle e da un indicatore per l’anno bisestile.
La data è indicata in un piccolo quadrante al 6.
Giorno e mese sono sapientemente posizionati in piccole finestrelle disposte rispettivamente ad ore 3 e 9.

La Meccanica

Il calibro DB2024 automatico, gode dei benefici della ricerca tcnologica del calendario perpetuo, con le fasi di Luna che accusano un giorno di scarto dopo ben 122 anni.
Inoltre gode di un doppio bariletto autoregolante, un sistema a triplo paracadute e un bilanciere in titanio e platino.
Un orologio tecnologico prodotto nella tradizione di Casa De Bethune.

Specifiche

Calibro DB 2024 QP
meccanico a carica automatica
335 componenti
29 rubini
28.800 a/h

Cassa a tamburo di 44 mm di diametro
10,8 mm di spessore
vetro zaffiro anti riflesso

De Bethune 25 QP Calendrier Perpétuel

GIRARD PERREGAUX SEA HAWK PRO 1000

Il nuovo Girard Perregaux Sea Hawk PRO 1000 ha radici lontane.
Fin dal 1940, la Maison affianca il nome Sea Hawk ai suoi modelli professionali.
Il progetto odierno nasce nel 2002, e raccoglie la linea subacquea di Casa.
Questo nuovo modello, gode dei classici segni che contraddistinguono la linea, come la corona al 4 e le anse pronunciate.

Professionale

Le differenze invece sono nelle straordinarie prestazioni quali i 1000 metri di impermeabilità e un quadrante nero opaco che da immediata leggibilità alle sfere bianche e arancioni.
L’impermeabilità è inoltre garantita dalla norma ISO 6425.
Il calibro GP033R0 è un movimento automatico sviluppato dalla Manifattura.
Le sue dotazioni sono una ghiera girevole unidirezionale, la corona a vite e la valvola per la fuoriuscita dell’elio.
Il fondello a vite è decorato con i simboli della Casa, quali un delfino, un ancora e il tridente, i quali rappresentano un brevetto della Girard Perregaux risalente addirittura al 19° secolo.
Infine, un cinturino in caucciù è assicurato da una chiusura con fibbia di sicurezza in acciaio e un sistema di regolazione per facilitarne l’indossabilità sulla muta.

Specifiche

Cassa in acciaio da 44 mm.
vetro zaffiro
valvola per l’elio
impermeabilità 1000 metri

Calibro GP033R0 automatico
11 linee e 1/2
28.800 a/h
27 rubini
riserva di carica di 46 ore
funzioni di ore, minuti, secondi, data e riserva di carica

Girard Perregaux WW.TC for Green Auction

Il Girard Perregaux WW.TC for Green Auction, nasce per una buona causa.
Lo scorso anno si è svolta la prima “Green Auction”, ovvero “Asta verde” di Casa Christie’s.
Dal 29 marzo 2011, torna a New York con lo scopo di sostenere con l’intero ricavato, organizzazioni come la “Conservation International” che puntano alla sensibilizzazione delle aziende, a cominciare a pensare alle loro attività in maniera responsabile e sostenibile.
Il “Natural Resources Defense Council” è un gruppo americano che conta un milione e trecentomila soci.
Questa organizzazione si interessa alla conservazione dell’Oceano, nella protezione degli ecosistemi marini e delle specie a rischio.

Le vendite si chiuderanno il 7 Aprile.

L’orologio

La Girard Perregaux partecipa a questa manifestazione benefica proponendo un esemplare del suo cavallo di battaglia, il cronografo WW.TC personalizzato per  “Green Auction”.

Il movimento di manifattura Girard Perregaux è un cal. GP033C0, che combina un cronografo con l’indicazione delle ore del mondo.
Infine, la differenza tra questo esemplare rispetto a quelli normalmente in commercio, sta nella finitura satinata della cassa e nel colore verde dell’anello delle 24 ore, in onore della Causa.

  • GIRARD PERREGAUX WW.TC FOR GREEN AUCTION
  • GIRARD PERREGAUX WW.TC FOR GREEN AUCTION

PATEK PHILIPPE 5550P CON OSCILLOMAX

Il Patek Philippe 5550P con Oscillomax, da inizio ad una rivoluzione riguardante i calibri di Casa.
Una rivoluzione che influenzerà la tecnica e che sarà prerogativa imprescindibile negli anni a venire.

Il primo passo lo vedremo sul Calendario Perpetuo che stiamo andando ad analizzare.
Verrà commercializzato in un edizione limitata di 300 esemplari con calibro 240Si D.

Il Silicio

Questo calibro presenta l’ innovativo scappamento con bilanciere “GyromaxSi” in silicio sviluppato in house.
Il bilanciere fa parte di una serie di componenti in silicio sviluppato interamente dalla Patek Philippe, che vanno a formare lo scappamento “Oscillomax”.
Inoltre, è stato annunciato che la spirale in silicio utilizzata nei calibri Patek dal 2008, diventerà uno standard per l’intera produzione, passaggio che avverrà comunque gradualmente.
La cassa in platino del 5550P è di 37,2 mm. di diametro per 8,8 di spessore.
Il movimento 240 Q Si è un ultrapiatto a ricarica automatica.
Sul quadrante a ore 6 si può notare la scritta “Advanced Reserch”, a sottolineare che l’orologio è stato sviluppato dal reparto di ricerca e sviluppo.
Questo reparto, creato 6 anni fa, è diretto da Jean-Pierre Musy proprio per lo studio di materiali e tecniche innovative.
L’obiettivo di produrre orologi sempre più affidabili e precisi.

  • Patek Philippe 5550P
  • Patek Philippe 5550P
  • Patek Philippe 240Si D
  • Oscillomax
  • Spirale in silicio Patek Philippe