LAURENT FERRIER GALET MICRO-ROTOR


Oggi presentiamo un orologio veramente degno di nota, ma che in Italia ben pochi conoscono.
Si tratta dell’aggiornata versione 2014 del Laurent Ferrier Galet Micro-Rotore.
Caratterizzato da due nuove varianti di quadrante, è riconoscibile per la minuteria a “chemin de fer” e indici con numeri arabi.

I quadranti in argento massiccio sono abbinati al metallo della cassa.
La versione argento opalino è abbinata alla cassa in oro bianco, mentre la versione nero opaco all’oro rosso.
Il tempo è scandito da sfere in oro bianco dalla forma delle tipiche lance “Assegai”, armi utilizzate dalle tribù Zulu.

La cassa tonda, prende ispirazione dalla forma tipica a ciottolo (galee in francese), con un diametro di 40 mm. per 11,1 di spessore.
La corona di carica ha una forma a cipolla e si integra perfettamente con la cassa.

Il cuore

Ma passiamo al pezzo forte del nuovo Laurent Ferrier: il movimento.
Si tratta di un movimento meccanico a carica automatica fabbricato in casa e contraddistinto da un micro-rotore decentrato, visibile attraverso il fondello in vetro zaffiro.
L’esclusivo scappamento in silicio, offre un sistema di doppio impulso diretto sul bilanciere.
Grazie a questi, la frequenza è di 3 Hz (21.600 a/h) e restituisce un impulso di 21.600 a/h, in modo da massimizzare la restituzione di energia, riducendo la coppia necessaria per caricare la molla.
Anche il micro-rotore è dotato di un anti-urto.
La riserva di carica è di ben 80 ore.

Il Galet Micro-Rotore ha finiture naturalmente ai massimi livelli.
Cote de Genéve su ponti, perlage su platina, viti lucidate a specchio, come sui ponti del bilanciere e del rotore di carica, anglage fatto a mano, raggi delle ruote smussati e guillochè sulla massa oscillante in oro massiccio.

Il fondello è chiuso a pressione e presenta un unghiatura per facilitarne l’apertura.
L’impermeabilità è di 30 metri.

Tutti gli orologi sono citati di cinturino in alligatore marrone e alcantara, assicurato da una chiusura a doppio déployante.

  • LAURENT FERRIER GALET MICRO-ROTOR
  • LAURENT FERRIER GALET MICRO-ROTOR
  • LAURENT FERRIER GALET MICRO-ROTOR
  • LAURENT FERRIER GALET MICRO-ROTOR
  • LAURENT FERRIER GALET MICRO-ROTOR
  • LAURENT FERRIER GALET MICRO-ROTOR
  • LAURENT FERRIER GALET MICRO-ROTOR

GRIEB & BEZINGER BLUE MERIT

A 20 di distanza dalla nascita della celebre manifattura A. Lange & Sohne, avvenuta nel 1994, i maestri orologiai Grieb & Bezinger, presentano la loro ultima creazione, un omaggio al Tourbillon Pour le Mérite.

200 sono gli esemplari di A. Lange & Sohne esistenti, di cui 150 in oro e 150 in platino.
E’ del tutto possibile che un collezionista, abbia messo a disposizione un proprio esemplare, per creare un pezzo unico.

Partendo da una base A. Lange & Sohne con cassa originale da 38,5 mm., il processo per la cusomizzazione di questo straordinario orologio, è durato ben 12 mesi.
Gli artigiani hanno inoltre lavorato duramente ed hanno messo tutto il loro impegno per trasformare il movimento, portandolo a canoni estetici e tecnici all’altezza dello stile Grieb & Bezinger.

Con una cassa in platino da 41 mm. di diametro, il nuovo Grieb & Bezinger Blue Merit, si presenta con un movimento scheletrato che mostra orgoglioso la gabbia del tourbillon.

Il movimento di base è quindi il Lange & Sohne L902.0 con indicatore per le 72 ore di riserva di carica e piccoli secondi.
Dotato di 29 rubini, è stato inoltre cesellato e rifinito a mano e protetto da un quadrante in argento anch’esso scheletrato e rifinito con la tecnica “Breguet Frost”.

Nel 1994, il A. Lange & Sohne costava l’equivalente di 75 mila Euro.
Lo scorso 12 maggio, ad un asta di Christie’s, un esemplare in oro bianco è stato battuto a oltre 350 mila Euro.

  • GRIEB & BEZINGER BLUE MERIT
  • GRIEB & BEZINGER BLUE MERIT

DE BETHUNE DREAM WATCH 5.2

Proiettato verso il futuro con linee al confine tra arte e orologeria, De Bethune reinventa l’orologio con un “opera” che si spinge oltre i limiti.

Nel nuovo De Bethune Dream Watch 5.2, David Zanetta e Denis Flageollet, sono usciti dai classici canoni estetici e dalle convenzionali proporzioni offrendo una scultura che incorpora una pietra preziosa sul fondello bombato dell’orologio.
Ciò non toglie che la tradizione orologiera sia stata scartata.
Il rispetto per i grandi maestri orologiai, si ritrova nella tecnica e nel lavoro che vi sta dietro, esaltandone ogni aspetto.
Con il suo movimento a carica manuale DB2144 da 30 mm. di diametro, è composto da 355 componenti rifiniti a mano, con scappamento in silicio.
Il doppio bariletto è del tipo auto regolante e garantisce una riserva di marcia di 5 giorni.
Il sistema antiurto è del tipo a paracadute.
Il movimento è dotato inoltre di 32 rubini e batte con una frequenza di 28.800 a/h.

La Materia prende forma

I canoni estetici riprendono quelli della Casa di Auberson.
Il ponte che unisce il Dream Watch 5.2 al Dram Watch 1, ha la forma a deltoide della cassa che ritroviamo anche nel Dram Watch 4.

La cassa in zirconio annerito è una ricerca di materiali e forme.
Con una robustezza che lo rendono insensibile ad acqua e aria, può rimanere inalterato nel tempo come un’opera d’arte.
Larga 7,5 cm, è dotata di vetro zaffiro bombato con doppio trattamento anti riflesso ed ha una durezza di 1800 Vickers.

Al centro troviamo inoltre un altro elemento estetico che accomuna gli orologi De Bethune.
Una piccola sfera bicolore che indica le fasi Lunari in palladio lucidato e azzurrato alla fiamma nella metà oscura.
Le fasi lunari hanno uno scarto di un giorno ogni 1112 anni.

La corona di carica è arricchita da un cabochon azzurro.

  • DE BETHUNE DREAM WATCH 5.2
  • DE BETHUNE DREAM WATCH 5.2
  • DE BETHUNE DREAM WATCH 5.2

JEAN RICHARD AMA IL RUGBY

Spirito di Squadra. Volontà d’impegnarsi. Piacere del gioco.
JeanRichard ha molti valori in comune col Rugby.
“La sua filosofia di vita” si è sviluppata in campi anch’essi caratterizzati dall’entusiasmo appassionato, dalla prontezza ad accogliere le sfide e dal desiderio di progredire ogni volta di più.
Ecco perché la Manifattura orologiera svizzera sostiene attivamente il Rugby e si emoziona davanti alle straordinarie imprese compiute sui campi dei grandi stadi dedicati a questo gioco.
Per rafforzare il legame con l’eccezionale mondo del Rugby.

Quei ragazzi

La “formazione” è costituita da 9 giocatori del famoso gruppo di club del Top 14 francese.
Vincent Clerc, Brice Dulin, Gael Fickou, Fabrice Estebanez, Jandre Kruger, Benjamin Lapeyre, Maxime Machenaud, Jérémie Maurouard e Pascal Papé.
Questi sportivi, che stanno costruendo le loro carriere nei club di tutta Francia e che sono perfettamente complementari tra loro.
Poiché giocano tutti in ruoli diversi, sono eroi di tutti i giorni capaci di imprese incredibili, nel rispetto dello spirito dei veri uomini JeanRichard.
La squadra comprende diversi livelli di gioco (con alcuni giocatori all’inizio della carriera e altri che hanno già collezionato dei bei traguardi).
Questo arricchisce la dimensione umana del team, dove la forza della giovinezza si affianca all’esperienza, le stelle stelle nascenti ai veterani.
Tutti condividono la stessa visione e lo stesso spirito.
“Trasmetto il mio entusiasmo attraverso il duro allenamento e il piacere che trovo a giocare con i miei compagni di squadra”, spiega il giovane tallonatore Jérémie Maurouard.
Mentre Vincent Clerc, il più esperto del gruppo, spiega la sua idea professionale del Rugby.
“Bisogna essere perseveranti, fedeli alle proprie convinzioni e pronti ad ascoltare gli altri”.

JEANRICHARD

I segnatempo JeanRichard, sono pensati per coloro che amano le sfide, non temono l’ignoto e desiderano vivere la loro vita fino in fondo, assaporandone ogni momento come se fosse l’ultimo.
Sono quegli avventurieri quotidiani che amano l’autenticità e che non amano i compromessi in fatto di qualità o design.
Sono spiriti indipendenti che sfidano le convenzioni e giocano secondo le loro regole, lontano dai terreni battuti.

I segnatempo JeanRichard dedicati all’art de vivre sono declinati in quattro collezioni che rendono omaggio ai quattro elementi dell’Universo: Terrascope, Aquascope, Aereoscope e 1681.
La terra, l’acqua, l’aria e il fuoco della passione che ha alimentato e ispirato il nostro marchio per oltre tre secoli, accompagnando raffinati globetrotter giorno dopo giorno.

La Maison svizzera JeanRichard fa parte del Gruppo Kering, leader mondiale nel settore dell’abbigliamento e degli accessori.
Il Marchio detiene una serie di influenti brand appartenenti ai segmenti Lusso e Sport & Lifestyle.

  • JEAN RICHARD e IL RUGBY
  • JEAN RICHARD e IL RUGBY

CORUM ADMIRAL’S CUP DOUBLE TOURBILLON

Corum alimenta la collezione dedicata all’ Admiral’s Cup, con un modello alimentato dal nuovo calibro CO 1008 dotato di doppia gabbia del tourbillon.
Ad assicurare un prolungato godimento, una riserva di carica di 72 ore.
Inoltre, l’orologio è dotato di uno scenografico datario retrogrado ed un innovativo sistema di misurazione per le regate.
Premendo la corona di carica, la sfera dei minuti si posiziona al 12, per cronometrare la prepotenza delle regate.

Sul retro dell’orologio, un vetro zaffiro lascia ammirare il calibro CO 1008 a carica manuale, che gatte a 21.600 a/h, con finiture satinate e incisioni antracite.
I materiali usati per la platina sono il cupro-berillio.
Si tratta di una lega di rame particolarmente resistente all’usura.
La Maison infatti punta su complicazioni dalla lunga durata e con particolare affidabilità nel tempo.

Il Corum Admiral’s Cup AC-45 Double Tourbillon (questo è il suo nome per esteso) è disponibile in oro rosa 5N a 18 carati o in titanio grado 5.
Le misure sono di 45 mm. di diametro per 14,4 di spessore ed è contraddistinto da un design inconfondibile.
Come ciliegia sulla torta, l’impermeabilità è garantita fino a 300 metri.

  • CORUM ADMIRAL'S CUP DOUBLE TOURBILLON
  • CORUM ADMIRAL'S CUP DOUBLE TOURBILLON

GLYCINE AIRMAN AIRFIGHTER

Glycine festeggia i 100 anni di attività rivisitando un classico di Casa: l’ Airman.

A Baselworld 2014 è stato presentato il nuovo cronografo Glycine Airman Airfighter ref. 3921.
Il nuovo Airman presenta novità tecniche ed estetiche particolarmente interessanti.

Si tratta di un cronografo dal piglio decisamente sportivo, con una cassa da 46 mm. di diametro.
Un sistema di gestione delle funzioni cronografiche, vede abbandonare i classici pulsanti in luogo di una slitta sul fianco sinistro della cassa.

Alle funzioni di cronografo si aggiunge un indicazione delle 24 ore.
Rimane invece come segno identificativo della linea Airman, la corona a ore 4 che blocca e sblocca la ghiera girevole, tramite la quale si può ricavare un secondo fuso orario, così da ottenere ben tre fusi orari.

Tre sono le varianti disponibili: quadrante blu, rosso o carbonio.
Il vetro è zaffiro su entrabi i lati, così da lasciare a vista il calibro GL754, che si basa su di un affidabile Eta-Valjoux 7750 che presenta decorazioni in stile Glycine ed un aereo scheletrato sulla massa oscillante.

L’impermeabilità è testata fino a 20 metri.

Corredato da due cintrini in pelle con cuciture a contrasto ed uno strumento per la sostituzione, il prezzo dovrebbe essere di 3900 Euro circa.

  • GLYCINE AIRMAN AIRFIGHTER
  • GLYCINE AIRMAN AIRFIGHTER
  • GLYCINE AIRMAN AIRFIGHTER
  • GLYCINE AIRMAN AIRFIGHTER