BREMONT VICTORY


A Baselworld Bremont lancia la nuova collezione in edizione limitata Victory.
Questo orologio è in linea con la filosofia che ha reso celebre i modelli EP120 e P-51, presentando elementi presi direttamente dalla HMS Victory.
Bremont infatti sta lavorando a stretto contatto con il National Museum of the Royal  Navy.
Questo porterà nuove edizioni limitate con pezzi di rame e quercia della famosa nave del 18° secolo.

Il Victory è un cronografo automatico con secondi e data retrogradi.
È alimentato da un movimento BE-83AR su base Valjoux 7750 che dispone di 39 rubini ed una riserva di carica di 46 ore finemente decorato.
Le misure della cassa sono 43 mm. di diametro, per 17 di spessore.
Sarà disponibile in acciaio, o in oro rosa e verrà dotato di un bariletto in rame PVD proveniente dalla HMS Victory.
Il fondello sarà in vetro zaffiro decorato a mano e circondato da un anello in quercia, proveniente anch’esso dalla HMS Victory.

Il lancio ufficiale per questo orologio è previsto per il 12 luglio, anche se sembra che siano già tutti prenotati.
Il Bremont Victory in acciaio verrà prodotta in in soli 250 esemplari, ma dell’oro non si ha notizia.

  • BREMONT VICTORY
  • BREMONT VICTORY
  • BREMONT VICTORY
  • BREMONT VICTORY

PATEK PHILIPPE NAUTILUS CALENDARIO ANNUALE

Sulla scia del successo del Nautilus ref. 5711 con quadrante bianco, in Patek Philippe la scelta si amplia con il Nautilus ref. 5726.
Dotato di un movimento con calendario annuale, la scelta di 2 colorazioni di quadrante è disponibile anche per questo modello con cassa e bracciale in acciaio.

L’Orologio

Il Nautilus 5726 ha quadrante che rimane di esemplare pulizia, con le 2 finestre per giorno e mese nella più semplice delle tradizioni.
Ad ore 6 le fasi di Luna, sulle quali si sovrappone una piccola sfera per le 24 ore e più in basso una piccola finestra per la data.

Tutte le sfere e gli indici sono trattati con sostanza luminescente, tranne la piccola sfera per le 24 ore e quella dei secondi.

Il prezzo per questo modello si aggira sui 40 mila Euro, circa 20 in più rispetto al tradizionale 3 sfere.

La cassa in acciaio è di 40,5 mm. di diametro per 11,27 di spessore.
Il quadrante è protetto da vetro zaffiro come il fondello.
Le sue funzioni sono di ore, minuti, secondi, giorno, mese, data, fasi di Lune e 24 ore.

La Meccanica

Il Calibro è di manifattura Patek Philippe 324 S QA LU 24H automatico del diametro di 36 mm. per uno spessore di 5,78 mm.
E’ composto da 347 parti di cui 34 rubini, un bilanciere Gyromax da 28.800 a/h, una molla spirale Spiromax, una massa oscillante centrale in oro 21 carati unidirezionale, per un totale di 45 ore di riserva di carica.

Il Nautilus calendario annuale:
il calendario annuale si differenzia da quello perpetuo per la mancanza della funzione che permette di riconoscere gli anni bisestili.
Ovvero, a febbraio, questo Patek Philippe, necessiterà di una correzione manuale, mentre per il resto dell’anno, riconoscerà automaticamente i mesi di 30 o 31 giorni, mentre un calendario perpetuo, riconosce anche il febbraio bisestile.
Quindi questo orologio sarà un po’ meno complicato, ma sicuramente più accessibile.

  • PATEK PHILIPPE NAUTILUS CALENDARIO ANNUALE ref. 5726
  • PATEK PHILIPPE NAUTILUS CALENDARIO ANNUALE ref. 5726
  • PATEK PHILIPPE NAUTILUS CALENDARIO ANNUALE ref. 5726

LOWELL PER IL MUSEO FERRARI

E’ stato realizzato da Lowell l’orologio “opening celebration 2012” per il nuovo Museo Casa Enzo Ferrari che ha inaugurato a Modena il 10 marzo.
Un evento atteso dalla città , ma soprattutto dagli appassionati e dai tanti turisti che ogni anno visitano le terre del Drake per rendere omaggio al mito senza tempo della Ferrari.

L’orologio

L’orologio del MEF è stato preso d’assalto dai collezionisti come un vero e proprio oggetto di culto.
È stato creato in esclusiva da Lowell in edizione limitata a 182 pezzi (dal 18/2 data di nascita di Ferrari).
Il design è solido ed essenziale, con linee arrotondate che richiamano le “curve” a cui si ispira l’intera architettura del museo.
Sul quadrante nero spicca la data dell’inaugurazione e il giallo del logo MEF che ricalca il tratto calligrafico di Ferrari.
Giallo come il colore che fa da sfondo al cavallino rampante, scelto dal Drake perché richiamava il “giallo canarino” che è il colore di Modena.
Lo stesso giallo che caratterizza la copertura in alluminio della nuova galleria con la sua inconfondibile forma di cofano.

Il Museo

Il giorno dell’apertura hanno varcato i cancelli della galleria oltre 12.000 visitatori.
Sotto l’avveniristica struttura i segni e i sogni della storia di Enzo Ferrari sono la meta.
Cimeli, testimonianze e soprattutto auto, quelle che hanno fatto la storia, esposte come opere d’arte.
Il MEF (Museo Enzo Ferrari) sorge a Modena accanto alla casa dove nacque il Drake nel 1898 e all’officina dove ebbe inizio la sua leggenda.
Chiamato “open hand” perché proprio come una mano aperta abbraccia la casa natale, è un contenitore di innovazione nella forma e di tradizione nel contenuto.
Cinquemila metri quadrati in cui si alterneranno mostre a tema: al centro ci sarà sempre l’automobile, la cui leggenda ha le sue radici più profonde nella terra di Modena.

  • MUSEO FERRARI
  • MUSEO FERRARI
  • Lowell Ferrari

GIRARD PERREGAUX SEAHAWK 1000 BIG BLUE

Martedì 5 giugno, Susan e David Rockfeller Jr. celebreranno la giornata mondiale degli oceani.
La celebrazione è stata organizzata in collaborazione con Girard Perregaux e il Museo Modern Art di New York.
In onore della serata e degli sforzi di Susan e David, Girard Perregaux presenterà un edizione limitata del SeaHawk 1000 denominata “Big Blue“.

L’orologio

Il Big Blue si presenta con il classico design di cassa SeaHawk.
Il cinturino in gomma blu è in tono col quadrante.
All’interno di questo troviamo la riserva di carica e un mappamondo che simboleggia la giornata dedicata agli Oceani.
Sul fondello del Big Blue, troviamo inoltre un motivo dalla deliziosa lavorazione.
Il disegno rappresenta un tridente con la scritta “protect what is precious“.
L’orologio sarà disponibilie in soli 15 esemplari.
La cassa da 44 mm. di diametro ha un impermeabilità di 1000 metri.
La lunetta è unidirezionale.
Una valvola per l’espulsione dell’elio è posizionata al 9.
Infine, il movimento è meccanico a carica automatica di manifattura.

  • GIRARD PERREGAUX SEAHAWK 1000 BIG BLUE
  • GIRARD PERREGAUX SEAHAWK 1000 BIG BLUE
  • GIRARD PERREGAUX SEAHAWK 1000 BIG BLUE

CHOPARD MILLE MIGLIA GMT CHRONO 2012

Durante la Mille Miglia 2012, Chopard ha atteso la tappa bresciana per presentare il nuovo cronografo “Chopard Mille Miglia GMT Chrono“, intitolato alla celebre corsa.

Nata nel 1988, la collezione Mille Miglia si è rinnovata nel 2010 con un nuovo accordo tra la famiglia Sheufele e l’organizzazione della corsa definita la più bella del mondo.

Quest’anno Chopard si presenta con il nuovo cronografo automatico.
Pensato per le corse, ha migliore visibilità delle funzioni grazie ai contatori sovradimensionati.
Inoltre si è aggiunta anche la funzione GMT.
Con una sfera centrale con punta a freccia, presenta le indicazioni sulla lunetta, così da lasciar più spazio alle altre indicazioni.

Ad animare questo orologio un movimento meccanico a carica automatica con certificazione di cronometro del COSC di derivazione Valjoux 7750.

Conclusioni

Lo Chopard Mille Miglia GMT Chrono in oro verrà commercializzato in 250 esemplari.
2012 saranno invece gli esemplari in acciaio.
Entrambi avranno la cassa da 42 mm.
Sul fondello decorato a perlage, il logo a freccia della Mille Miglia e il numero progressivo della serie limitata.
A completare il tributo ai motori, un cinturino in caucciù scolpito a battistrada “Dunlop Racing”, diventato ormai iconico per questa collezione.

L’impermeabilità per questo orologio è di 50 metri.

I prezzo dovrebbero aggirarsi sui 6 mila Euro per la versione in acciaio e 18 mila per la versione in oro.

  • CHOPARD MILLE MIGLIA GMT CHRONO 2012
  • CHOPARD MILLE MIGLIA GMT CHRONO 2012

TAG HEUER AQUARACER ORACLE RACING

Tag Heuer affianca il Team Oracle Racing nella 34° Coppa America con un Tag Heuer Aquaracer.
Da questa partnership nasce la linea Aquaracer commemorativa.
Le edizioni limitate sono 2: una versione cronografica con il logo “Team USA” ed una con il logo “Defender”.
Il logo Defender sta a significare che il Team Oracle, ha vinto la ultima Coppa America e che in questa 34° edizione, la dovrà difendere.
Sul fondello troviamo a basso rilievo la sagoma dell’ AC45 Oracle Racing Team, mentre piccoli tocchi di rosso, riportano lo stile del Team americano.
Saranno presto disponibili anche modelli di Tag Heuer Aquaracer solo tempo.
Avranno un look più semplice, ma sempre caratterizzati da tratti estetici di Oracle.

L’orologio

Il Tag Heuer Aquaracer ha una cassa in acciaio di 44 mm. di diametro con un’impermeabilità di 500 metri.
La lunetta è in gomma nera e all’interno troviamo un calibro automatico TH Calibro 16 di derivazione Valjoux 7750 con 25 rubini, 28.800 a/h e 42 ore di riserva di carica.
A ore 10, una valvola per la fuoriuscita dell’elio.
Il cinturino è in caucciù nero, ma è possibile optare per un bracciale in acciaio.

  • TAG HEUER AQUARACER ORACLE RACING
  • TAG HEUER AQUARACER ORACLE RACING
  • TAG HEUER AQUARACER ORACLE RACING

GLASHUTTE GRANDE COSMOPOLITE TOURBILLON

Dopo una lunga fase di studi e progettazione, la Manifattura sassone incarna il più sorprendente e complicato orologio della storia della Glashutte.
In uno spazio di soli 8,72 cm. cubi, confina 37 fusi orari in tutti il mondo.

Il Glashutte Grand Cosmopolite Tourbillon, ha la possibilità di seguire simultaneamente il tempo di casa, l’ora locale, e l’ora notturna di due zone delle 37 possibili.
Riporta anche l’ora legale e la differenza di tempo positiva (est) o negativa (ovest).
Tutti i cambiamenti di data o di ora, vengono gestiti dal calendario perpetuo, in grado di gestire sia in avanti che indietro tutti i passaggi di meridiano.

Come se non bastasse, questa combinazione esclusiva di complicazioni, sono accompagnate da un tourbillon inventato nel 1920 da Alfred Helwig e per il quale sono state depositate 4 domande di brevetto.

Questo capolavoro è un edizione limitata a soli 25 esemplari.

Pensato per chi viaggia e per chi desidera tenere traccia sia dell’ora locale sia quella di casa, questo orologio presenta ad ore 6 un quadrante dove viene visualizzata su di una scala di 24 ore, l’ora di casa, con un quadrante che divide le ore notturne da quelle diurne.
Al centro l’ora locale, su 12 ore, che si adatta a qualsiasi posizione geografica dell’estero.

Le Funzioni

Per utilizzare questo orologio, il proprietario inizia con l’impostare l’ora di casa.
Decisa la destinazione, si regola quindi una delle 37 destinazioni possibili, comprese quelle che utilizzano un fuso orario di 30 minuti (come Delhi) o 45 minuti (come Eucla).
Si decide poi di regolare l’ora standard o l’ora legale.
I fusi orari delle varie città, sono indicate in conformità con i codici IATA internazionali che prevedono 3 lettere (ad esempio FRA per Francoforte o DXB per il Dubai o LAX per Los Angeles…).
Alle ore 8 appaiono 2 piccole finestrelle. una per il tempo standard e l’altra per l’ora legale.
Dei pulsanti correttori permettono inoltre di regolare il calendario perpetuo.

Quando si vuole modificare il tempo di destinazione o semplicemente conoscerne l’orario, basta agire sulla corona a ore 2 ruotandola in senso orario per meridiani positivi (est) o in senso antiorario per i meridiani negativi (ovest).
Il calendario perpetuo si adatterà automaticamente al fuso orario di destinazione, seguendo fino a 5 cambiamenti consecutivi.

Anche il passaggio del febbraio bisestile su l primo marzo è gestito tutto in modo automatico, senza che sia richiesto nessun intervento manuale.

Il  Glashutte Grand Cosmopolite Tourbillon, è dotato di un quadrante in oro massiccio su quale sono riportate in maniera assolutamente chiara le indicazioni con numeri romani per le ore, e una scala per i minuti a “chemin de ferì”.

La Cassa

La cassa è in platino con un diametro di 46 mm. con vetro zaffiro sul quadrante e sul fondello, che lascia alla vista il Cal. 89-01 a carica manuale, composto da più di 500 componenti.
La riserva di carica di 72 ore è indicata con un piccolo display sul movimento dal lato fondello.
Il tutto è protetto da un coperchio a cerniera recante incisi i 37 fusi orari, ciascuno contraddistinto dal codice IATA.
L’orologio viene consegnato con un cinturino in coccodrillo della Luisiana con fibbi pieghevole in platino.

Per un orologio straordinario come questo, si è pensato ad una scatola che fosse all’altezza.
Realizzata in rovere, si presenta sormontata da un globo in metallo e tutto intorno, decorazioni che illustrano le diverse scoperte del passato e del presente.
Grazie ad un sistema di ricarica manuale, l’orologio rimane in funzione anche quando è a riposo.

Eventuali modifiche ai fusi orari, non sono un problema per gli orologiai Glashutte.
Infatti come servizio ai propri clienti, la Manifattura sarà lieta di cambiare l’anello che corrisponde alla vostra zona, offrendone uno con il nome personalizzato con il codice IATA della vostra città.

Specifiche

Ref. 89-01-03-93-04
Movimento meccanico a carica manuale cal. 89-01
528 componenti
39,2 x 7,5 mm.
21.600 a/h
70 rubini e 2 diamanti incastonati
Bilanciere con 18 viti di compensazione
Tourbillon ad un minuto

Cassa in platino di 46 mm. di diametro
16 mm. di spessore
Impermeabilità di 5 ATM
Doppio vetro zaffiro
Fondello a cerniera in platino

25 esemplari.

  • GLASHUTTE GRANDE COSMOPOLITE TOURBILLON
  • GLASHUTTE GRANDE COSMOPOLITE TOURBILLON
  • GLASHUTTE GRANDE COSMOPOLITE TOURBILLON
  • GLASHUTTE GRANDE COSMOPOLITE TOURBILLON
  • GLASHUTTE GRANDE COSMOPOLITE TOURBILLON
  • GLASHUTTE GRANDE COSMOPOLITE TOURBILLON

FORTIS F-43 FLIEGER ALARM GMT DOPPIA RISERVA

Questo nuovo Fortis con il nome più lungo che si sia mai visto, è anche l’orologio più complicato e costoso che la Maison abbia mai prodotto.
Il nome completo è: Fortis F-43 Limited Edition Chronograph GMT Alarm Chronometer COSC Dual Power Reserve.
Detto questo, la Casa ha deciso di produrlo in soli 100 esemplari.

Probabilmente questo orologio è l’unico ad unire in un movimento automatico, le funzioni di cronografo, allarme, funzione GMT e doppia riserva di carica per indicazioni orario e allarme.
E la cosa che stupisce, è come abbiano messo tutte queste funzioni, mantenendo un quadrante ben leggibile ed equilibrato.

Il Flieger ha una cassa in acciaio di 43 mm. di diametro.
Lo spessore, che deve integrare le numerose funzioni, non è stato ancora dichiarato.

Questo modello sembra che avrà un prezzo che sfiora i 20 mila Euro.

Specifiche

Meccanico a carica automatica cal. Fortis 2012
13 linee e 1/4
Oltre 500 parti
39 rubini
28.800 a/h
2 bariletti indipendenti per ora e svaglia
Cronografo con secondo fuso orario GMT

Cassa in acciaio lucidato a specchio in 2 parti
43 mm. di diametro
Fondello serrato a vite con vetro zaffiro
Quadrante opalino argentato
Vetro zaffiro
Indicazione GMT regolabile tramite seconda corona al 10

Cinturino in pelle di alligatore imbottito blu
Fibbia pieghevole in acciaio personalizzata

Certificato di cronometro del COSC
Impermeabilità fino a 165 piedi
2 anni di garanzia.

FORTIS F-43 FLIEGER ALARM GMT DOPPIA RISERVA

  • FORTIS F-43 FLIEGER ALARM GMT DOPPIA RISERVA
  • FORTIS F-43 FLIEGER ALARM GMT DOPPIA RISERVA
  • FORTIS F-43 FLIEGER ALARM GMT DOPPIA RISERVA
  • FORTIS F-43 FLIEGER ALARM GMT DOPPIA RISERVA

HUBLOT MAGIC GOLD

Hublot è ormai nota per l’utilizzo di material inusuali, come il Cermet (una lega di ceramica e metallo), il tungsteno, e un materiale denominato “Hublonium“, una lega di magnesio e alluminio.
Ora l’Azienda presenta una nuova lega d’oro, molto dura e resistente ai graffi che ha chiamato “Magic Gold“.

Nonostante tutte le qualità dell’oro convenzionale, ha il problema di essere tenero.
Nella scala Vikers, l’oro a 18 carati, ha una durezza di 140.
L’acciaio 316L usato ad esempio nella fabbricazione dei bracciali, varia da 200 a 240 Vikers.
Il Magic Gold invece, misura ben 1000 punti nella scala Vikers!

Hublot comunque non è la prima ad inserire una lega d’oro ad alta resistenza.
Già nel 2010 A. Lange Sohne sviluppò una lega in oro per il 165° anniversario di F.A. Lange, con una lega che arrivò a 300-320 Vikers detta “Honey Gold”.

La Lega

Il Magic Gold, viene fabbricato approfittando dei piccoli pori della ceramica.
Il processo di fabbricazione per il quale Hublot ha guadagnato il brevetto, comincia proprio dalla polvere di ceramica, in particolare con il carburo di boro, che viene pressato nella forma desiderata con una pressione di 30 mila libbre/pollice.
I pezzi preformati, vengono poi cotti ad una temperatura di 2200°, che da alle forme una struttura rigida senza alterarne la forma.
Nel frattempo si porta a fusione l’oro a 24 carati ad una temperatura di 1100°, per inserirlo in una macchina ultramoderna che inietta l’oro nelle porosità delle forme di ceramica, forzando l’assorbimento con una pressione di 3000 libbre/pollice.
L’oro liquefatto riempie così le porosità della ceramica, dando vita ad un nuovo materiale.

Detto questo, nasce una nuova domanda: quindi il Magic Gold, è oro 18 carati?
La risposta è si.
Per essere considerato oro 18 carati, l’oro deve presentare almeno 750 parti d’oro su 1000.
Dopo un’attenta analisi, l’Ufficio centrale Svizzero per il controllo dei materiali preziosi, ha stabilito che almeno il 75% del materiale è composto da oro puro.

Nella fase successiva, il pezzo viene lavorato nella forma desiderata dal blocco di Magic Gold, prendendo la forma adatta per la creazione di un Hublot Big Bang o un King Power.

Per la lavorazione di questo durissimo metallo, sono necessari frese con lama in diamante.
Dopo la lavorazione la parte viene lucidata ed esposta agli ultrasuoni a 50 mila Hz per donare alla cassa la lucentezza desiderata.

Applicazioni

A Basilea è stato presentato per la prima volta un Big Bang Chrono Magic Gold con movimento Eta Valjoux 7753 ed un quadrante completamente nero.

Hublot ha trovato un team in grado di sviluppare questo materiale in Svizzera, presso il Federal Institute of Technology di Losanna e guidato da Andres Mortensen.
Giovane ingegnere metallurgico, Mortensen ha chiamato nel team anche Senad Hasanovic come dottorando.
A completamento del progetto, Jean-Clude Bivier, allora a capo del progetto ed ora presidente Hublot, assunse Hasanovic per produrre questo materiale all’interno di Hublot.
Oggi Hasanovic dirige la produzione del Magic Gold nella fonderia Hi-tech di Hublot.

Inoltre Hasanovic assicura che questo procedimento, non è applicabile solo all’oro, ma anche ad altri materiali come l’alluminio.
E non solo si possono fondere nella ceramica, ma è un processo che si può applicare anche al carbonio.
Vista la recente partnership con Ferrari, l’interesse che c’è intorno a questo processo, stimola particolarmente l’interesse.

Attendiamo ansiosi il futuro.


HUBLOT MAGIC GOLD

  • HUBLOT MAGIC GOLD
    il carburo di boro viene messo in uno stampo per essere pressato
  • HUBLOT MAGIC GOLD
    l’oro viene fuso
  • HUBLOT MAGIC GOLD
    l’oro viene colato nel cilindo ceramico
  • HUBLOT MAGIC GOLD
    con la pressione si sviluppa un calore estremo che infiltra l’oro nella ceramica
  • HUBLOT MAGIC GOLD
    il risultato non appare come prezioso, me è comunque oro a 18 carati
  • HUBLOT MAGIC GOLD
    il pezzo lavorato dev’essere lucidato per dargli una lucentezza metallica
  • HUBLOT MAGIC GOLD

 

RAYMOND WEIL NABUCCO CUORE VIVO

Raymond Weil annuncia il nuovo modello della collezione Nabucco: il Cuore Vivo.
Si tratta di un nuovo quadrante con aperture sullo scappamento, che lascia alla vista il treno del tempo e il bilanciere.

Con una cassa da 46 mm. di diametro per 15,85 di spessore, la Maison ha utilizzato il titanio opaco per la cassa.
L’acciaio lucido per la lunetta tachimetrica è un’idea intelligente.
La corona è a vite personalizzata nonché protetta da spallette.

Al suo interno un calibro meccanico a carica automatica cal. RW5400 con 29 rubini e una frequenza di 28.800 a/h con una riserva di carica di 46 ore.

Il vetro zaffiro ha trattamento antiriflesso su entravi i lati.
Anche il fondello è serrato a vite e presenta un vetro zaffiro per lasciare alla vista il movimento.
L’impermeabilità è di ben 200 metri.
Ad assicurarlo al polso un cinturino in alligatore con doppia deplorante con pulsanti di sicurezza.

Infine averlo averlo non sarà cosa facile.
Il Raymond Weil Nabucco Cuore Vivo, verrà venduto in un edizione limitata di soli 400 pezzi.

RAYMOND WEIL NABUCCO CUORE VIVO