HUBLOT KING POWER UNICO GMT


Hublot ha presentato in anteprima il nuovo King  Power Unico GMT, orologio che inaugura il nuovo corso della Casa con calibro di manifattura.
Commercializzato a partire da gennaio 2012, questo orologio offre un complicato sistema di fusi orari sul quadrante.

Si tratta di uno dei primi risultati da quando Hublot ha integrato nella sua manifattura, alcuni talenti come BNB, presentando finalmente oltre ad un orologio complicato, anche la nuova serie “Unico”, il primo movimento di manifattura della Maison.
Questa oltre ad essere una buona notizia per Hublot, lo è anche per il pubblico, ormai stanco delle edizioni limitate del Big Bang.

Il nuovo Hublot King Power Unico GMT è composto da una cassa da 48 mm. di diametro in king gold o in ceramica nera, vetro zaffiro su ambo i lati.
L’ impermeabilità è di 100 metri.
All’ interno il calibro di manifattura è il HUB1220 automatico con 405 componenti di cui 37 rubini.
La frequenza è di 28.600 a/h con una riserva di carica di 72 ore.

Nella speranza di vedere qualcosa di più sobrio nel prossimo 2012, facciamo gli auguri alla Maison!

  • HUBLOT KING POWER UNICO GMT
  • HUBLOT KING POWER UNICO GMT

GLASHUTTE ORIGINAL SENATOR OBSERVER 1911 LE

In attesa della Fiera di Basilea che si terrà a marzo, Glashutte Original propone un anteprima sul Senator Observer 1911 Julius Assmann.
Si tratta di un edizione limitata a 25 pezzi che rende omaggio a Julius Assmann e Roald Amundsen.
Il primo, padre fondatore dell’orologeria tedesca e grande esploratore il secondo.

Infatti Amundsen, partì per un esplorazione al polo sud il 14 dicembre del 1911 proprio con un orologio da tasca creato da Assmann.
Durante il viaggio poteva fare rilevamenti di precisione, grazie all’affidabilità dell’orologio, fondamentale per la navigazione.
Oggi l’orologio è esposto al museo di Oslo, in Norvegia e riporta la scritta “J. Assmann” sul quadrante.

Oggi Glashutte Original presenta un orologio con quadrante laccato a 2 strati di colore argento.
È dotato di piccoli secondi e riserva di carica rispettivamente a ore 3 e 9 e il caratteristico datario panoramico a ore 6.
Le sfere sono azzurrate alla fiamma a indicare l’ora su indici a “rotaia”.

La cassa tornda in oro bianco da 44mm. è completata da un cinturino in pelle di vitello marrone e con inciso il numero progressivo.
2 sono i vetri zaffiro, uno a copertura del quadrante ed uno per il fondello, dove vi sono riportate le date “14 diembre 1911 – 14 dicembre 2011” (forse il motivo del’ anteprima?).

Al suo interno un calibro a carica automatica bidirezionale Glashutte 100-14 dotato di zero-reset, che rende più facile la sincronizzazione dell’ora.
La massa oscillante è in oro 21 carati con incise le iniziali con la doppia G.

  • GLASHUTTE ORIGINAL SENATOR OBSERVER 1911 LE
  • GLASHUTTE ORIGINAL SENATOR OBSERVER 1911 LE

LANGE & SOHNE DATOGRAPH AUF/AB

Il Lange & Sohne Datograph AUF/AB aumenta le dimensioni della cassa in platino, aumentandone anche la riserva di carica fino a 60 ore.

Al suo  lancio nel 1999, il Datograph di A. Lange & Sohne era già un must in tutto il mondo.
Con la sua funzione di azzeramento dei secondi, una ruota a colonne e il contatore cronografico saltante di precisione, è un capolavoro di chiarezza e bellezza.

Tutte queste qualità si riflettono naturalmente sul nuovo Datograph AUF/AB nella nuova veste in platino da 41 mm. di diametro, con i nuovi indici a bastoni in oro rodiato al posto dei numeri romani.
Il datario è stato adattato alla nuova cassa, mettendo in luce quanto la Maison sia attenta ai dettagli per mantenere l’equilibrio del quadrante.

La sigla “AUF/AB” (carico/scarico) sottolinea la nuova funzione della riserva di carica ad ore 6, che in maniera più affidabile, indica quando l’orologio esaurisce le 60 ore di carica.
Infatti solo al terzo giorno la sfera della riserva è già sul rosso, segno che il calibro L951.6 ha bisogno di essere ricaricato.
Le 24 ore di riserva in più sono state trovate grazie ad un bariletto più grande.

Le 18 mila alternanze e un bilanciere fornito di masse eccentriche, garantiscono massima precisione e costanza, grazie alla fabbricazione interamente interna che ne garantisce la qualità.

Tra le tante raffinatezze tecniche, il Datograph AUF/AB è fornito anche di un cronografo con “retour-en-vol” che permette una facilità d’uso per le misurazioni sequenziali.

Il fondello è dotato di vetro zaffiro, che permette di ammirare lo splendido calibro finemente decorato e rifinito.
Il ponte del bilanciere decorato a mano è sormontato da una racchetta con ritenzione a collo d’oca (il collo di cigno svizzero), e sulla platina le viti azzurrate alla fiamma e 4 rubini in castone d’oro avvitato.

Specifiche

LANGE & SOHNE DATOGRAPH AUF/AB
Calibro di manifattura
meccanico a carica manuale cal. L951.6
diametro 30,6
spessore 7,9 mm.
451 componenti
46 rubini di cui 4 in castoni d’oro
bilanciere con masse eccentriche
spirale di manifattura Lange & Sohne
60 ore di riserva di carica

cassa in platino di 41 mm.
spessore 13,1 mm.
vetro zaffiro durezza 9
quadrante in argento massiccio
cinturino in alligatore
fibbia ardiglione in platino.

  • LANGE & SOHNE DATOGRAPH AUF/AB
  • LANGE & SOHNE DATOGRAPH AUF/AB
  • A. Lange & Sohne cal. L951.6

OMEGA CUSTODIA in pelle PER IPAD

Omega amplia la sua collezione di pelletteria con una custodia dedicato ai possessori di Ipad.
Forse non tutti sanno che la Maison, nella sua boutique di New York, ha una linea di pelletteria come borse, valigette, portafogli…
La cover è naturalmente ben studiata ed ergonomics.
Ha la possibilità di usare la falda anteriore come supporto verticale.
Presenta un foro per l’obiettivo della macchina fotografica e una clip per chiuderlo.
I colori sono due: nero e marrone.
La fantasia di cui si veste, è naturalmente composta da tante piccole Omega.

Così, se per Natale volete far felice un amante del Marchio e vestire il suo Ipad, potrete recarvi nel concessionario di fiducia e ordinarlo!
(non voglio sapere il prezzo!).

  • OMEGA: CUSTODIA PER IPAD
  • OMEGA: CUSTODIA PER IPAD
  • OMEGA: CUSTODIA PER IPAD
  • OMEGA: CUSTODIA PER IPAD

JAQUET DROZ TOURBILLON

Jaquet Droz presenta il nuovo Tourbillon all’interno della collezione Grand Seconde.
Questa referenza sarà disponibile in oro bianco con quadrante a cote de Genéve  (ref. 34240) o in oro rosso e quadrante grand Feu (ref. 33200).
La cassa misura 43 mm. di diametro.

Il movimento è un Jaquet Droz 25JD di manifattura a carica automatica con sette giorni di autonomia ed è montato su 31 rubini.
La frequenza è di 21.600 a/h.
Sul quadrante spicca a ore 12, decentrata, la gabbia del tourbillon.
Questa è ricavata da un vetro zaffiro che funziona da ponte, lasciando il tutto in bella vista.
L’oblò in zaffiro sul fondello, lascia a vista il movimento con la massa oscillante in oro a 18 carati e il numero di serie.
Ad assicurarlo al polso un cinturino in alligatore fatto a mano con fibbia in oro pieghevole.

I prezzi sono per entrambi i Jaquet Droz Tourbillon di 79.300 Euro, tuttavia accettabile per il livello.

  • JAQUET DROZ TOURBILLON
  • JAQUET DROZ TOURBILLON
  • JAQUET DROZ TOURBILLON
  • JAQUET DROZ TOURBILLON

BULOVA ACCUTRON CONQUEROR

Il nuovo Bulova Accutron Conqueror, è ispirato direttamente al famoso Lone Eagle, creato per commemorare il Colonnello Charles A. Linbergh e la trasvolata sull’ Oceano Atlantico in solitario del 1927.
Questo nuovo orologio, si presenta con una linea convincente.
Di ottima fattura, belle finiture, come la lavorazione della lunetta che riprende appunto quella del Lone Eagle del ’27.

La cassa tonneau ospita al suo interno un movimento meccanico a carica automatica Dubois-Depraz 31340.
Le funzioni comprendono l’indicazione delle 24 ore e gode della certificazione di cronometro del COSC.
Il prezzo di 4900 Dollari è alto, ma non dovrebbe scandalizzare visti i contenuti qualitativi e tecnici.
Ci sfugge tuttavia il motivo del nome Accutron in questo determinato caso.

Il Bulova Accutron Conqueror sarà prodotto in soli 200 esemplari.

  • BULOVA ACCUTRON CONQUEROR
  • BULOVA ACCUTRON CONQUEROR
  • BULOVA ACCUTRON CONQUEROR

OMEGA NUOVO SITO PER IL MUSEO

OMEGA: NUOVO SITO PER IL MUSEO
Dopo mesi di ristrutturazione, Omega riapre il museo nel maggio del 2010, a Biel, in Svizzera.
Situato davanti al quartier generale aperto nel 1984, il museo Omega è il più vecchio museo dedicato ad un solo Marchio.
Da oggi, ha anche il sito web dedicato.

Parlando del periodo della ristrutturazione, il Presidente Stephen Urquatrh lo ha paragonato ad uno scavo antropologico: “non abbiamo solo rinnovato i locali d’esposizione, ma abbiamo restaurato anche molte caratteristiche dell’edificio, scoprendo negli archivi, cose che non sapevamo nemmeno di avere e che una volta restaurate anch’esse, ora sono presentate al pubblico per la prima volta.
Estendere gli orari al sabato poi, da la possibilità ancora a più persone di goderne”.

I Contenuti

Il museo ospita opere rappresentative per il marchio.
Dalla sedia di Louis Brandt quando cominciò a fare l’orologiaio più di 160 anni fa, ad un Rover Lunare della Nasa, nonché gli orologi che sono stati indossati dagli astronauti per passeggiare sul suolo Lunare.
In mostra anche gli orologi di J. F. Kennedy e Lawrence d’Arabia, insieme ad altri orologi al polso di personaggi e attori famosi.

Il nuovo museo comprende sezioni dettagliate, orologi che hanno fatto la storia del marchio e modelli specifici come gli Speedmaster, i Seamaster, i Constellation, che vanno dall’esplorazione spaziale ai film, al cortometraggio sportivo e molto altro.
Vi è anche un database dove i visitatori possono trovare estratti d’archivio, che consente all’ Omega di dare al proprietario dell’orologio, un certificato.

Il nuovo museo Omega di Bienne è aperto dal martedì al venerdì dalle 10 alle 18 e per la prima volta anche al sabato dalle 11 alle 17.
L’ingresso al museo è gratuito e sono disponibili visite guidate in inglese, francese, tedesco e cinese mandarino.

Il NUOVO SITO PER IL MUSEO OMEGA

la home page del sito del Museo Omega

HYT H1 MOVIMENTO MECCANICO LIQUIDO

Pubblichiamo qui le prime immagini del H1 Hydro.
Si tratta di un orologio meccanico a carica manuale, con 65 ore di riserva di carica, ed un’affissione dell’orario indicata da un liquido.
Nato dalla mente dell’orologiaio Jean-Francois Mojon, questo orologio è stato studiato in collaborazione con la Techniks Helbling (Svizzera).
L’H1 sarà il primo orologio meccanico ad avere un sistema di indicazioni del tempo liquido.
I liquidi saranno due con densità diverse.
I liquidi scorreranno in un tubo, grazie alla spinta di due soffietti mossi meccanicamente.
Il colore diverso dei liquidi darà un indicazione visiva.

Queste novità, sono la linfa per la buona orologeria. Benvenuta HYT!

Il lancio del marchio HYT e dell’orologio, avverranno alla fiera di Basilea a gennaio 2012.

  • HYT H1 MOVIMENTO MECCANICO LIQUIDO
  • HYT H1 MOVIMENTO MECCANICO LIQUIDO
  • Vincent Perriard

BAUME ET MERCIER CAPELAND FLYBACK

Baume et Mercier presenterà al salone di Basilea a gennaio, il nuovo Capeland cronografo flyback.
Di sostanziale non cambia molto, sarà solo una rivisitazione del modello presentato al SIHH 2011.
Il precedente modello infatti presentava un quadrante chiaro.
Oggi invece si mette in linea con i gusti odierni con un nuovo quadrante nero dallo stile vintage e nuove colorazioni.

Questo orologio è una reinterpretazione di uno storico cronografo monopulsante del 1948 dalla Baume et Mericier, quindi sarà difficile non apprezzare ancora oggi questo intramontabile look!

Le colorazioni dai toni caldi del quadrante, come il marrone, si accompagnano in modo perfetto col quadrante nero e il cinturino marrone.
La cassa in acciaio misura 42 mm. di diametro e all’interno un movimento meccanico a carica automatica.
La base è un Valjoux 7750 ampiamente rifinito ed elaborato per il flyback da La Joux Perret rinominato 3513 e può contare su 27 rubini e 42 ore di riserva di carica.
L’ impermeabilità è di 5 atmosfere.

Unico neo del Baume Et Mercier Capeland Flyback Chronograph (oltre al nome troppo lungo), è il prezzo.
Infatti pare che si aggirerà sui 6500 Euro, mettendosi in concorrenza con altri marchi che offrono sostanza e qualità.

  • BAUME ET MERCIER CAPELAND FLYBACK CHRONOGRAPH
  • BAUME ET MERCIER CAPELAND FLYBACK CHRONOGRAPH
  • BAUME ET MERCIER CAPELAND FLYBACK CHRONOGRAPH
  • BAUME ET MERCIER CAPELAND FLYBACK CHRONOGRAPH
  • BAUME ET MERCIER CAPELAND FLYBACK CHRONOGRAPH

PARMIGIANI TONDA CALENDARIO ANNUALE

Parmigiani presenta il nuovo Tonda Calendario Annuale.
A poco più di un mese dall’apertura del SIHH 2012, che inaugura il 16 gennaio, la Manifattura Parmigiani ha pronto in serbo una nuova complicazione.
Basato sull’ automatico PF 331, è stato aggiunto un modulo per il calendario annuale, dando vita così al calibro PF 339.

Il calendario annuale è un sistema che riconosce i mesi di 30 e 31 giorni, fatta eccezione per il mese di febbraio che richiede una correzione manuale.
I calendari perpetui al contrario, hanno il riconoscimento dell’anno bisestile.

I modelli previsti sono di 2 metalli diversi quali l’oro bianco lucido o l’oro rosa con stessa finitura.
I quadranti sono anch’essi 2. Uno nero carbone e uno argento, con al centro una delicata finitura opaca o a “chicco d’orzo”.

Particolarmente affascinante l’indicazione della data retrograda, che copre una fascia che va dalle 8 alle 4 ed evidenziata da una sfera con punta a mezza luna rossa.

Le fasi di Luna di precisione sono frutto dello studio dei laboratori Parmigiani, che hanno raggiunto una precisione che richiede una correzione solo dopo 120 anni.
In più la particolare affissione, indica le fasi lunari in entrambi gli emisferi terrestri.

Con una cassa da 40 mm. di diametro e 11,2 di spessore, il Parmigiani Tonda Calendario Annuale, sembra non volere piegarsi alle mode.
Così dimostra ancora una volta buon gusto e raffinatezza, con un’altra creazione destinata al successo.
Del tutto meritato!

  • PARMIGIANI FLEURIER TONDA CALENDARIO ANNUALE
  • PARMIGIANI FLEURIER TONDA CALENDARIO ANNUALE